Bonus Acqua Sgate

Oggetto

E' una misura volta a ridurre la spesa per il servizio di Acquedotto di una famiglia in condizione di disagio economico. 

Requisiti richiesti

Hanno diritto ad ottenere il bonus acqua gli utenti diretti ed indiretti del servizio di acquedotto che sono parte di nuclei familiari:

  • con indicatore ISEE non superiore a 8.107,5 euro;
  • con indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro se con almeno 4 figli a carico.

Modalità

di richiesta

La domanda deve essere presentata allo Sportello del Cittadino o inviata a mezzo fax con copia valida di un documento di riconscimento del richiedente.

SPORTELLI E ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO  a cui rivolgersi per presentare la domanda
Documentazione

Per disagio economico:

  • domanda "bonus acqua";
  • fotocopia della fattura della fornitura dell'acqua;
  • fotocopia documento d'identità del richiedente;
  • composizione nucleo familiare
  • famiglia numerosa se necessaria
  • delega se necessaria
  • variazione residenza se necessaria

Il modulo di richiesta permette di richiedere contemporaneamente anche il bonus elettrico e/o gas.

Costi e modalità di pagamento Nessuno
Modalità di erogazione Per verificare se il bonus erogato è corretto, gli utenti diretti possono controllare la loro bolletta e precisamente la sezione del quadro di sintesi dedicata al dettaglio delle singole voci che compongono il totale degli importi fatturati. La componente bonus viene indicata separatamente in detrazione della quota variabile della tariffa di acquedotto per tutto il periodo di agevolazione.
Gli utenti indiretti possono verificare la correttezza controllando l'accredito, l'assegno o qualunque altra modalità di corresponsione utilizzata dal gestore per l'effettiva erogazione.
Termine di conclusione del procedimento La ricevuta attestante l'ammissibilità della domanda è rilasciata in tempo reale se caricata alla presentazione o entro 7 giorni dalla presentazione.

Indicazioni

Dal momento della presentazione della domanda al momento dell'erogazione del bonus acqua possono passare diversi mesi. Infatti dopo aver presentato la domanda di bonus al proprio Comune di residenza, le tempistiche per ottenere il bonus sono così cadenzate:

  • Il Comune ha a disposizione un massimo di 30 giorni per la verifica e l'ammissione della domanda con il suo successivo caricamento nel sistema informatico (SGAte) per la trasmissione al gestore;
  • Dopo il caricamento da parte del Comune della domanda ammessa:
    • L'utente riceve una comunicazione che lo informa  dei risultati delle prime valutazioni sui requisiti di ammissibilità  (ISEE e residenza) operate dal Comune;
    • Il gestore ha a disposizione un massimo di 60 giorni per completare le valutazioni di sua competenza e comunicare a SGAte l'ammissione definitiva della domanda o il suo rigetto.

Al termine di questi 60 giorni, se la domanda è stata verificata positivamente dal gestore:

  • gli utenti diretti, riceveranno il bonus in bolletta nella prima fattura utile. Le tempistiche di erogazione del bonus in bolletta dipenderanno anche dalla periodicità di fatturazione prevista dal contratto di fornitura;
  • gli utenti indiretti riceveranno il bonus entro un periodo massimo di ulteriori 60 giorni.

Tutti gli utenti, la cui domanda risulterà respinta, riceveranno una comunicazione con l'indicazione del motivo per cui il gestore non ha potuto confermare l'ammissione.

Il bonus è riconosciuto per un periodo di 12 mesi a decorrere dalla data di inizio agevolazione riportata nella comunicazione di ammissione e in bolletta. Al termine di tale periodo, per ottenere un nuovo bonus, l'utente deve rinnovare la richiesta di ammissione presentando apposita domanda.

Normativa

Dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 13 ottobre 2016, emanato in forza dell'articolo 60 del cosiddetto Collegato Ambientale (legge 28 dicembre 2015, n. 221) e successivamente attuata con provvedimenti dell'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente.

Note

E' possibile presentare le richieste durante tutto l'anno solare in caso di variazioni:

  • Cambio di residenza:
    Se il cittadino cambia residenza durante il periodo di godimento del bonus sociale, dovrà recarsi presso il nuovo Comune di residenza per effettuare nuovamente la domanda. In questo caso il bonus sarà trasferito sulla nuova abitazione e sarà applicato fino alla scadenza originaria del diritto.
  • Variazione del numero di componenti:
    L'aumento o la diminuzione del numero di componenti non fanno variare l'importo del bonus durante i 12 mesi di godimento. Tale informazione verrà recepita solo al momento del rinnovo della domanda di ammissione al bonus.
  • Variazione del reddito:
    Analogamente alla variazione del numero di componenti, anche le variazioni della situazione reddituale e patrimoniale del cittadino verranno recepite solo al momento della rinnovo della domanda di ammissione al bonus.
Link  
Documenti allegati Modulo di domanda
Fac simile di delega
Fac simile composizione nucleo familiare